Alternativa è l’unica associazione non profit per l’educazione e l’informazione energetica.

Associazione Alternativa e no profit e quindi tutte le indicazioni dei propri collaboratori/comitati scientifici/tavoli tecnici ecc. NON HANNO FINI COMMERCIALI

Fanno parte dell’associazione:
aziende, enti pubblici o privati, professionisti, associazioni o privati cittadini disponibili a fornire
i supporti tecnici ed economici necessari per dare un valido contributo al raggiungimento degli
scopi che tale Associazione si propone.

STATUTO

ASSOCIAZIONE “ALTERNATIVA”

STATUTO

ARTICOLO 1) – Generalità

E’  costituita  una  associazione  senza  fini  di  lucro  con  la  denominazione  di

ASSOCIAZIONE ALTERNATIVA ”.

ARTICOLO 2) – Sede

La associazione ha sede in Moruzzo (UD) alla Via Ferdinando Tacoli n. 3

ARTICOLO 3) – Scopo

L’Associazione, come istituzione, ha per obiettivo di popolarizzare – tramite la divulgazione,  la  promozione  e  la  formazione,  il  miglioramento  dello  stato dell’ambiente – l’utilizzo delle fonti rinnovabili ed in generale l’uso efficiente e razionale  dell’energia,  al  fine  del  contenimento  dei  consumi  energetici  e  dei relativi costi.

Rientrano in particolare fra gli scopi le seguenti azioni:

– stabilire un centro comune di relazione fra gli associati;

– promuovere la conoscenza della normativa legislativa e tecnica;

– assicurare i rapporti con le personalità e gli organismi italiani ed esteri interessati all’uso razionale dell’energia;

– raccogliere, verificare e diffondere le informazioni tecnico-scientifiche e statistiche relative all’uso dell’energia;

–  effettuare  e  promuovere  ricerche  e  studi  di  carattere  tecnico,  normativo, economico riguardanti l’oggetto dell’Associazione;

–   fornire   informazioni,   consulenze,   servizi   riguardanti   l’uso   razionale dell’energia ed argomenti affini.

Articolo 4) Durata

La  durata  dell’Associazione,  in  relazione  ai  tempi  necessari  per  il  raggiungimento dello scopo previsto dallo statuto, è illimitata nel tempo.

ARTICOLO 5) – Finanziamento

L’Associazione Alternativa è un’associazione privata che si basa sul principio  dell’autofinanziamento.  Potrà  consorziarsi  o  convenzionarsi  con  istituzioni pubbliche per particolari attività rientranti nei fini statutari.

ARTICOLO 6) –  Finalità

L’Associazione  Alternativa  non  persegue  fini  di  lucro  e  le  entrate  derivanti dalla  sua  attività  devono  essere  devolute  a  perseguire  le  iniziative  di  cui all’Articolo 3) e a dotare l’Associazione Alternativa dell’attrezzatura tecnica e del personale necessari per la sua gestione e per la sua attività esterna.

ARTICOLO 7) – Patrimonio

Il patrimonio dell’Associazione Alternativa è costituito da beni mobili appartenenti alla Associazione Alternativa nonché dai beni mobili ed immobili che saranno acquisiti a qualsiasi titolo in futuro.

ARTICOLO 8) – Soci

Sono soci della Associazione Alternativa:

a)- i soci fondatori che conservano, dopo l’atto della fondazione, una funzione di consulenza  generale sull’andamento dell’Associazione Alternativa;

b)-  gli  operatori  culturali  (ricercatori  e  animatori)  che  svolgano  in  maniera organica  e  continuativa  prestazioni  di  lavoro  in  seno  alla  Associazione    Alternativa;

c)-  i  sostenitori  che  con  il  loro  apporto  tecnico  o  finanziario  contribuiscono alla realizzazione dei fini di cui all’Articolo 3);

d)- i soci onorari. La qualifica di socio onorario può essere attribuita dall’assemblea  dei  soci  a  personalità  eminenti  nei  campi  attinenti  il  risparmio  energetico. I soci di cui alle lettere b), c), e d) sono ammessi con delibera del Consiglio Direttivo.  I  soci  fruitori  sono  tenuti  a  corrispondere  il  canone  sociale  determinato dall’assemblea dei soci.

ARTICOLO 9) – Organi – Organi decisionali della Associazione Alternativa sono l’Assemblea ed il Consiglio Direttivo. L’Assemblea dei soci elegge il Consiglio Direttivo, composto da tre (3) a dieci (10)  persone,  secondo  quanto  deciso  dall’assemblea  che  procede  alla  nomina, che dura in carica tre (3) anni. Questo, a sua volta, nomina nel suo interno il Presidente, il Vice-Presidente ed il Segretario. Le  riunioni  dell’Assemblea  sono  valide  in  prima  convocazione  ove  siano presenti la metà dei soci ed in seconda convocazione, trascorse almeno ventiquattro (24)  ore  dalla  prima  convocazione, qualsiasi sia il numero dei soci presenti. Le deliberazioni sono prese a maggioranza semplice. L’Assemblea dei soci, convocata almeno una volta all’anno, approva i bilanci  consuntivi  e  preventivi  e  può  modificare  lo  statuto  con  la  maggioranza qualificata dei due terzi dei suoi soci.  Il  Consiglio  Direttivo  ha  poteri  di  ordinaria  e  straordinaria  amministrazione, tranne quelli riservati dallo statuto o per legge all’Assemblea. Il  Presidente  rappresenta  la  Associazione  Alternativa  in  ogni  sede  e  ne  è  il suo legale rappresentante. Il  Vice-Presidente,  in  caso  di  assenza  o  indisponibilità  del  Presidente,  ne può svolgere tutte le funzioni.

ARTICOLO 10) – Presidente Onorario – Su proposta del  Consiglio Direttivo, l’Assemblea dei soci può nominare  un Presidente onorario scelto fra le personalità che in ambito locale o nazionale  abbiano  contribuito  alla  diffusione  della  conoscenza  del  risparmio  energetico. Il Presidente onorario è nominato per la durata di tre (3) anni e può essere riconfermato.

ARTICOLO 11) – Comitato Scientifico – L’Assemblea  dei  soci  nomina  un  Comitato  Scientifico  il  quale  indirizza  le ricerche della Associazione ne cura le pubblicazioni e assicura la presenza di animatori alle attività programmate dalla Associazione stessa.    I membri del Comitato Scientifico, in numero di cinque (5), durano in carica tre (3) anni e possono essere riconfermati.

ARTICOLO 12) – Revisori dei Conti – L’Assemblea dei soci può nominare il Collegio dei Revisori dei Conti, che è costituito  da tre (3) membri effettivi e due (2) supplenti  e  dura in  carica tre (3) anni. Il Collegio nomina nel suo interno il Presidente. Per le funzioni del  Collegio  dei Revisori dei  Conti si rinvia alle disposizioni del Codice Civile in materia di società per azioni.

ARTICOLO 13) – Modifiche – Questo  statuto  è  modificabile  con  la  presenza  dei  due  terzi  dei  soci dell’Associazione  e  con  voto  favorevole  della  maggioranza  dei  presenti.  Ogni modifica o aggiunta non potrà essere in contrasto con gli scopi sociali e con la Legge italiana.

ARTICOLO 14) – Scioglimento Per  deliberare  lo  scioglimento  dell’Associazione  e  la  devoluzione  del  patrimonio occorre il voto favorevole di almeno i tre quarti degli associati convocati in assemblea straordinaria. L’assemblea  che  delibera  lo  scioglimento  dell’Associazione  nomina  uno  o più liquidatori e delibera sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione stessa. La devoluzione del patrimonio sarà effettuata con finalità di pubblica utilità a favore di associazioni di promozione sociale di finalità similari.